VIII CONVEGNO SULLA STORIA DI TUSCANIA: DALLE CAPANNE ALLE TORRI

 

 

 

Archeotuscia onlus per l’ottavo anno consecutivo ha organizzato e presenta il Convegno sulla Storia di Tuscania

 

 

 

QUANDO

18 marzo 2017

DOVE

Tuscania, ex chiesa Santa Croce, Piazza Basile

ORE

9.00-13.00

Ingresso libero

 

Alle ore 16.00, dopo la pausa pranzo, è in programma la visita all'abbazia di San Giusto, visita gentilmente concessa dai proprietari dell’azienda agricola.

VI ASPETTIAMO !

 

TUSCANIA

“Città tra le maggiori dell’Etruria interna, domina la valle del Marta a mezza via tra Tarquinia e il lago di Bolsena, in un paesaggio cui la natura e i resti delle fabbriche innalzate dall’uomo conferiscono un fascino particolare.

Nota in età romana come Tuscana, con un riferimento all'etnico Tusci, quasi che fosse per eccellenza la “città dei Tusci” (ossia degli Etruschi), conservò questo nome per quasi tutto il Medioevo, finché Bonifacio VIII non la ribattezzò col diminutivo Toscanella, rimastole fino agli inizi del Novecento.

Municipio romano, sede vescovile dal VI secolo, fu grande nell'alto medioevo e nella prima età comunale, iniziando a decadere con la crescita di Viterbo nel XIII secolo.

L’abitato antico occupava il colle più basso dove sorgono le rovine del Rivellino: nel Medioevo si estese sulle contigue aree pianeggianti, dove finì poi col dislocarsi il centro del nucleo urbano, identificandosi con la parte dell’abitato attuale racchiusa dentro le mura”.

                                                   (Elena Colonna di Paolo, Necropoli rupestri del viterbese)

 

 

“DALLE CAPANNE ALLE TORRI. TUSCANIA ATTRAVERSO I MILLENNI”

 

Beatrice Casocavallo (SABAP-rm-met), Sara Costantini (Polo Museale del Lazio), Paola Quaranta (SABAP-rm-met), “Storie di ordinaria archeologia. La ricerca archeologia a Tuscania fra Passato e Futuro”.

 

Francesco di Gennaro, “La rocca di Tuscania da reame dell’età del bronzo a centro etrusco di secondo rango”.

 

Francesca Pontani, "L'Età del Bronzo a Tuscania: le ricerche sul paesaggio e i modi del suo manifestarsi”.

 

Stephan Steingräber, "La Tomba/Grotta della Regina a Tuscania”.

 

Francesca Ceci-Ippolita Checcoli, "Una giornata all'abbazia. La vita quotidiana a San Giusto alla luce dei ritrovamenti archeologici".

 

Paolo Emilio Bagnoli, "Le Grotte di Orlando: arte rupestre simbolica e iscrizioni medievali e post-medievali nelle tombe rupestri di Tuscania".

 

Luigi Cimarra, "Aggiunte eterogenee nello statuto manoscritto di Tuscania del XVI secolo".

 

Scrivi commento

Commenti: 0