CHIUSI E CHIANCIANO

Domenica 29 APRILE 2018

 

 

 

Ore  07.30 Partenza da Viterbo Piazzale Romiti   con bus GT per Chiusi.

Incontro con la guida per visita del Museo Nazionale Etrusco di Chiusi.

Il Museo Etrusco di Chiusi fu inaugurato nel 1871 in due sale di via Mecenate, con i reperti acquistati dalla Commissione Municipale, appositamente costituita. Scavi e donazioni arricchirono notevolmente la Collezione Comunale negli anni successivi.

Il percorso di visita inizia con l’esposizione dei materiali dell’Età del Bronzo e del Ferro provenienti dal territorio chiusino. Segue un’ampia selezione di materiali in ceramica e in metallo di età orientalizzante, che comprende una sala dedicata ai cinerari canopici.

Il visitatore incontra poi la sezione della scultura e quella dedicata alle importazioni di ceramica attica e al bucchero. L’esposizione del piano terra si chiude con la presentazione delle principali necropoli del territorio.

Il piano inferiore accoglie invece numerose urne e reperti di età ellenistica e le testimonianze di età romana, insieme ad alcuni reperti delle Collezioni Paolozzi e Mieli Servadio.

Con il biglietto di ingresso si può visitare anche la Tomba del Leone e della Pellegrina, facendone richiesta al personale di custodia.

Continueremo con la visita del centro storico di Chiusi con la Cattedrale e il Suo Museo e il Labirinto di Porsenna.

Si tratta di un percorso sotterraneo di circa centotrenta metri costituito da cunicoli facenti parte di un complesso sistema idraulico etrusco, che si articola sotto tutta la città. La tradizione popolare ha per lungo tempo identificato queste gallerie con “l’inestricabile labirinto” che si trovava nel basamento del grandioso mausoleo di Porsenna, descritto da Plinio il Vecchio in un passo della sua Naturalis Historia. Una leggenda, forsemedievale, narra che il sarcofago di quel grande re etrusco era custodito in un cocchio d’oro trainato da dodici cavalli tutti d’oro, vegliato da una chioccia e da cinquemila pulcini … d’oro anch’essi.

Dai cunicoli si raggiunge una monumentale cisterna “etrusco-romana”, a pianta circolare, con pilastro centrale e doppia volta a botte, realizzata con grandi blocchi di travertino murati a secco (II-I secolo a.C.).La visita del Labirinto di Porsenna termina nella torre campanaria, dalla cui sommità si ammira uno splendido panorama.

Pranzo in ristorante della zona.

Nel pomeriggio proseguimento per Chianciano Terme, conosciuta per la sua eleganza innata, con i grandi viali alberati, i caffè e soprattutto gli stabilimenti termali, che rimangono la prima attrazione della città. Le Fonti dell’Acquasanta, nel parco omonimo, sono le più note e le più importanti,

Il Centro Storico della città sorge su un colle panoramico ed è probabilmente di origine etrusca, con un assetto tipicamente medievale e tanti vicoli che dal centro arrivano verso la Via delle Mura. Da vedere ci sono anche la Torre dell’orologio con lo stemma dei Medici, la Chiesa dell’Immacolata con l’affresco della Madonna della Pace, il Palazzo De Vegni; meritano una visita anche la Collegiata con il suo Museo, che vanta un bel Crocifisso della scuola Duccio di Buoninsegna.

Tra i musei non si può non citare il Museo Civico Archeologico delle Acque o Museo Etrusco, che presenta una parte della decorazione del frontone del Tempio etrusco dei Fucoli, la ricostruzione di una tomba di principi del VI secolo a.C. Da citare anche il Museo d’Arte di Chianciano Terme, con importanti opere d’arte dal Tiepolo a Munch.
Al termine rientro a Viterbo.

Arrivo previsto intorno alle ore  19.30

                                                                   

 

Quota per persona   (mimino  40)                      € 52.00  

 

Prenotazioni entro il            15 aprile 2018

 

Euro 20,00 acconto alla prenotazione

Saldo entro   il 19 aprile 2018

 

PRESSO TUSCIA IN… VIAGGIO – Via Vico Squarano 73  Viterbo

 

 

La quote comprende:

Trasferimento con 1 Bus Gt  da 52 posti

1 visita guidata intera giornata  di Chiusi e di Chianciano Terme

Pranzo in ristorante

Assicurazione medico-bagaglio

 

La quota non comprende:

Mance, facchinaggio, ingressi ai monumenti e ai musei ( ingresso Museo Nazionale Etrusco di Chiusi euro 6 a persona – ingresso Museo della Cattedrale e Labirinto di Porsenna euro 4 – ingresso Museo Etrusco delle Acque di Chianciano euro 5 per persona) ,   extra in genere e tutto quanto non specificato ne ‘La quota comprende’

Assicurazione contro annullamento ( da stipulare all’atto della prenotazione )

 

SI CONSIGLIA VIVAMENTE L’UTILIZZO DEGLI AURICOLARI PER LE VISITE AI MUSEI ( COSTO da riconfermare  euro 4,50 a persona     intera giornata)

 

Nota importante:

 

Per intolleranze o allergie alimentari o richieste particolari si prega di contattare direttamente l’agenzia Tuscia in… viaggio tel 0761326596 prima della partenza.

In caso contrario non potrà essere garantito il corretto servizio.

 

 

 

Si informa i gentili partecipanti che il programma  ed i relativi orari di svolgimento potrebbero subire delle variazioni per cause indipendenti dalla nostra volontà ( condizioni atmosferiche, condizioni del traffico e ad eventuali ritardi di mezzi di trasporto utilizzati durante l’esecuzione del viaggio)

Prossimo appuntamento di Archeotuscia con Giuseppe Bellucci che ci presenterà Venerdì 23 Febbraio alle ore 17,00, alla sala CE.DI.DO. il suo ultimo volume di storia locale dal titolo "DA CELLERE A CAPALBIO" - Fatti e misfatti del brigante Domenico Tiburzi.  Vi aspettiamo!

 Tante informazioni per raccontare gli eventi che hanno accompagnato la storia dell’uomo.
Nelle monete eventi, aneddoti, battaglie, clima politico e storico e tanto altro...
Tutto questo lo racconterà VINCENZO RAPPOSELLI nella conferenza-presentazione libro "Divertiamoci con la numismatica" di venerdì 9 febbraio!

DOVE: CE. DI.DO. (PiazzaSan Lorenzo, sotto Palazzo dei Papi)
QUANDO: 9 febbraio
ORE: 17.00
ingresso libero

Programma Gennaio-Febbraio 2018 aggiornato

VENERDì 12 gennaio!
Riprende l'attività culturale by #Archeotuscia con due ospiti d'Eccezione!
Felice Orlandini & Fabiano Tiziano Fagliari Zeni Buchicchio.
"Il recupero del patrimonio dei Beni Culturali trafugati nel nostro territorio". Conferenza-dibattito
La conferenza verterà principalmente sul recupero degli affreschi di PALAZZO SPRECA di Viterbo in procinto di essere venduti qualche anno fa da un antiquario a Venezia
Si discuterà anche di altri reperti (Etrusco-romani) recuperati dai Carabinieri del Nucleo Patrimonio Culturale e Artistico.
Conferenza #DANonPerdere !

MODIFICA PROGRAMMA ATTIVITA' MAGGIO-GIUGNO 2017

Prossima conferenza di Valentino D'Arcangeli dal titolo "Emergenze archeologiche di Soriano e dintorni", organizzata dalla sezione di Archeotuscia di Soriano nel Cimino per Venerdì 21 Aprile alle ore 17,00 alla sala consiliare del Comune di Soriano nel Cimino!

VARIAZIONE PROGRAMMA ESCURSIONI E CONFERENZE MESE DI FEBBRAIO

Viterbo medievale. Manifatture e commerci di Angela Lanconelli

 

 

 

 

 

 

 

VITERBO MEDIEVALE. MANIFATTURE e COMMERCI di Angela Lanconelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

QUANDO

venerdì 13 ottobre 2017

 

DOVE

Viterbo, Sala CE.Di.Do. (Piazza San Lorenzo, sotto Palazzo dei Papi)

 

ORE

17.00

 

ingresso libero

 

La conferenza si propone di illustrare alcuni aspetti dell’economia di Viterbo tra XIII e XIV secolo.

 

Si tratta di un aspetto della storia cittadina meno conosciuto rispetto alle vicende politico-istituzionali, ma fondamentale per comprendere le basi sulle quali si fondò l’ascesa della città fino al XIII secolo e poi la sua ripresa nel Quattrocento.

 

 

La documentazione esaminata (in particolare gli statuti duecenteschi, che offrono molti spunti suscettibili di ulteriori approfondimenti, e le fonti notarili) ha consentito, infatti, di individuare lo sviluppo di alcune produzioni, come quelle del lino e della lana, e delle attività connesse (coltivazione del lino e allevamento ovino), e di constatare come Viterbo fosse inserita nei principali circuiti commerciali dell’Italia centrale.

 

leggi di più

Annio da Viterbo e i suoi falsi di Luca Salvatelli

 

 

 

 

 

 

ANNIO DA VITERBO E I SUOI FALSI

di Luca Salvatelli

 

 

 

 

 

QUANDO

29 settembre 

 

DOVE

Viterbo, Sala Ce.Di.Do. (Piazza San Lorenzo)

 

ore

17.30

ingresso libero

 

L'intervento su Annio da Viterbo e i suoi falsi prende spunto da una più ampia e articolata comunicazione a più voci alla cui realizzazione hanno collaborato, oltre lo scrivente, la Dott.ssa Francesca Ceci, la Dott.ssa Chiara Mazzeri, e il Dott. Giampaolo Serone, intitolata Tracce del mitolongobardo nella Tuscia viterbese tra età medievale e moderna, e che verrà presentata in Novembre 2017 al VI Convegno Nazionale Le presenze Longobarde nelle Regioni d'Italia.

 

Proposito odierno è invece quello di ripercorre tramite l'analisi di fonti scritte e materiali la costruzione e il significato politico-culturale dei più importanti falsi archeologi anniani (Decretum Desiderii, Tabulae Cybelicae Maeonicae, Columna Osiriana), e letterari (De marmoreis Volturrhenistabulis, Antiquitates, Epitomae Viterbiae Historiae) rivelatisi essenziali per la genesimitopietica della città di Viterbo.

leggi di più

CORSO DI ARCHEOLOGIA 2017-2018

 

 

 

 

 

CORSO DI ARCHEOLOGIA

 

 

 

 

 

 

 

 

STRUTTURA DEL CORSO

 

Il corso si articola in n. 8 lezioni della durata di 1,5 h ciascuna con cadenza settimanale tutti i martedì dal 24/10/2017 al 12/12/2017 dalle ore 17,30 alle 19,00 presso la sede dell’Associazione Archeotuscia in Piazza dei caduti, al 1°piano della ex-chiesa degli Almadiani.

 

Costo previsto del corso: € 50,00

 

PROGRAMMA DI MASSIMA DEGLI ARGOMENTI TRATTATI

Martedì 24 Ottobre: Dalla Cultura di Rinaldone alla prima età del Ferro.

Martedì 31 Ottobre: Gli Etruschi: Origini, espansione, religione e cultura.

Martedì 07 Novembre: Arte e cultura etrusca – Il problema della lingua.

Martedì 14 Novembre: Urbanistica delle città e architettura funeraria dal

villanoviano al periodo tardo-antico.

Martedì 21 Novembre: L’Impero Romano: Nascita, grandezza espansione e

decadenza.

Martedì 28 Novembre: L’epigrafia latina e la numismatica.

Martedì 05 Dicembre: Tecniche di scavo archeologico (Prima parte)

Martedì 12 Dicembre: Tecniche di scavo archeologico (Seconda parte)

 

Al termine del corso, verrà rilasciato un attestato di frequenza.

 

Si avverte che lo svolgimento del corso è subordinato ad un numero minimo di

almeno 10 partecipanti.

 

Per ulteriori informazioni tel. al n.339.2716872 (Luciano) o inviare una mail a:

 

luciano.proietti@libero.it

 

oppure

archeotuscia@gmail.com

 

leggi di più

Il mondo antico in tecnicolor di Francesca Ceci

 

 

 

 

 

 

IL MONDO ANTICO IN TECNICOLOR. I COLORI NELLA SCULTURA ANTICA" di Francesca Ceci (Musei Capitolini Roma)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

QUANDO

venerdì 15 settembre 2017

 

DOVE

Viterbo, Sala Ce.DI.DO.(Sotto Palazzo Papale), Piazza San Lorenzo

 

ORE

17.30

ingresso libero

 

 

Il mondo antico era ricco di colori. Colori che ricoprivano statue e strutture architettoniche.  

 

Una visione della statuaria antica cui non siamo abituati: giallo, rosso, verde, blu, azzurro, ocra, marrone erano i colori che sottolineavano i dettagli delle statue, come i capelli, le labbra, le guance, la barba, gli occhi, i gioielli...

 

Nel mondo antico tutto era colore vivido, colori straordinariamente vivaci!

 

Le statue del mondo greco e romano sono per noi sinonimo di marmo bianco. Un convincimento questo dovuto ai primi ritrovamenti, soprattutto a Roma, con Michelangelo che vuole emulare la perfezione estetica classica lasciando le sue statue del colore naturale del marmo.

 

Dobbiamo, poi, soprattutto a Winckelmann il nostro convincimento di un mondo antico tutto in bianco: archeologo e storico dell'arte infatti Winckelmann era fermamente convinto dell'assenza di colore delle opere prodotte dagli artisti greci. Lui lodava appassionatamente la bellezza eterea priva di intensità cromatica della scultura del mondo antico.

 

Ma questo è un falso storico. Oggi sappiamo della fastosa e festosa policromia delle statue sia dell'antica Grecia che dell'antica Roma.

 

Di tutto questo ci parlerà e ci mostrerà la Dott.ssa Francesca Ceci.

 

Vi aspettiamo !

 

 

 

 

 

leggi di più

Appuntamento da non perdere alla sala CE.DI.DO. (Palazzo dei Papi) Giovedì 9 Febbraio alle ore 17,00 con la conferenza di Luciano Proietti e Mario Sanna su nuove scoperte sulla viabilità antica della Tuscia!

Con l'occasione verranno riproposte le ristampe degli atti del III e V Convegno di Archeotuscia svoltisi a Tuscania. Vi aspettiamo come sempre numerosi!

 

Cari soci ed amici questa settimana Archeotuscia presenta il volume di Vincenzo Allegrezza dal titolo:

"Olio e produzione olearia in Roma Antica"

Vi aspettiamo numerosi venerdì 20 gennaio presso la sala CE.DI.DO del Palazzo Papale di Viterbo dalle ore 17:00

 

Domenica 22 gennaio è previsto il recupero dell'escursione alle necropoli etrusche di Castellina Camerata e Ponton Paoletto, rinviata domenica 15 gennaio per avverse condizioni metereologiche. Partenza da Viterbo ore 8,45 da valle Faul e da Cura di Vetralla alle 9,15 al bivio della strada per Blera. Vi aspettiamo numerosi!

 

 

Inoltre...continuiamo a rendere fruibile il sito archeologico di Ferento, con il nuovo e seguente orario:

tutti i venerdí dalle 14:00 al tramonto (17:00 - 17:30), e tutti i festivi e prefestivi (inclusi sabato e domenica) dalle 10:00 - al tramonto (17:00 - 17:30), orario continuato.

 

Per ulteriori informazioni e per poter visitare Ferento durante il resto della settimana è possibile farlo chiamando previamente ai seguenti numeri: Simonetta (3287750233), Sanna (3202685517), Simona (3289068207).

 

TEATRO DI FERENTO VISTO DAL DRONE...

CHE SPETTACOLO!

 

 

E poi per chi volesse diventare socio...qui avrete l'opportunità di disporre di tutte le informazioni utili a conoscerci meglio ed entrare a far parte della nostra grande...comunità!

 

 

Per chiunque voglia aiutare l'Associazione Archeotuscia nell'ambito delle sue numerose attività di valorizzazione e conservazione del patrimonio culturale della Tuscia, può farlo utilizzando il 5 x 1000...